• CIRCOLARE MORATTI : dopo l’incredibile caso del papà siciliano che dovette ricorrere fino in Cassazione per poter vedere la pagella (di 10 anni prima!) del figlio, in data 20-12-2005 il Ministro Moratti ha promulgato una circolare storica -vedi http://www.papaseparatilombardia.org/on_line/documenti/64.pdf che tutti devono conoscere. Essa consente anche ai genitori non affidatari in possesso della potestà di poter avere informazioni sul rendimento scolastico dei figli.

Ne riportiamo notizia così come la diede all’epoca la Associazione Papà Separati di Napoli.

 

“CON LE LACRIME AGLI OCCHI, ANNUNCIAMO A TUTTI GLI ITALIANI CHE, DOPO 35 ANNI DI SOPRUSI E UMILIAZIONI, DI INGIUSTIZIE E SOFFERENZE, I GENITORI SEPARATI, NON AFFIDATARI DEI FIGLI  STRAGRANDE  POTRANNO RICEVERE TUTTE LE INFORMAZIONI SCOLASTICHE DEI FIGLI, COMPRESE LE PAGELLE.

DOPO 35 ANNI, ARRIVA LA LETTERA CIRCOLARE CHE ELIMINA, NELLE SCUOLE PUBBLICHE E PRIVATE, L'APARTHEID TRA I GENITORI SPOSATI E QUELLI SEPARATI.

FINISCE L'APARTHEID, LA DISCRIMINAZIONE E IL DOLORE DEL GENITORE DI SERIE B, IL GENITORE SEPARATO.

COMINCIA, DALLA SCUOLA, GRAZIE ALLA SENSIBILITA' DEL MINISTRO LETIZIA MORATTI E DEL DIRETTORE GENERALE DELLO STUDENTE, MARIOLINA MOIOLI, LA RISCOSSA CULTURALE DEI GENITORI SEPARATI ITALIANI.

QUESTA STORICA VITTORIA PREMIA L'IMPEGNO DEL MOVIMENTO PER I DIRITTI DEI FIGLI E DEI GENITORI SEPARATI

LE ASSOCIAZIONI RINGRAZIANO IL MINISTRO, I MEZZI DI INFORMAZIONE E TUTTI COLORO CHE HANNO CONTRIBUITO A SEGNARE QUESTA PAGINA DI CIVILTA' PER IL NOSTRO PAESE.

E' AMARO CONSTATARE CHE I NOSTRI APPELLI AGLI INTELLETTUALI ITALIANI SONO CADUTI TUTTI NEL VUOTO AD ECCEZIONE DI POCHISSIMI CASI DI SOLIDARIETA'.

SIAMO ORGOGLIOSI E FIERI DI AVER OTTENUTO GIUSTIZIA SENZA AVER MAI FATTO DEL MALE A NESSUNO E SENZA AVER MAI DANNEGGIATO VETRINE O AUTO.

IL MOVIMENTO DEI GENITORI SEPARATI CONTINUERA' A MANIFESTARE, CON PARI CIVILTA' E PASSIONALITA', PER QUELLE RIFORME FONDAMENTALI DEL DIRITTO DI FAMIGLIA CHE CONSENTIRANNO AI NOSTRI FIGLI DI CONTINUARE AD AMARE ENTRAMBI I GENITORI E I QUATTRO NONNI.

OGGI, PERDONATECI L’ENFASI E LA RETORICA, E’ UN BEL GIORNO DI STORIA PER TUTTO IL PAESE.”